Descritti 7 Giugno 1848

Nei "Sonetti romagnoli" di Olindo Guerrini alias Stecchetti, pubblicato postumo nel 1920, c'è una poesia dedicata alla Rumagna ... Ch 'e 'pè ch 'la sia la cheva d'i assassen. Una terra quella romagnola, secondo gli stereotipi ottocenteschi e di inzio '900, che sembra essere la "cava degli assassini" in quanto i romagnoli sono di indole ribelle perché facinorosi e settari, ma anche sanguigni e sanguinari; anticlericali perché antipapalini, repubblicani, socialisti ed anarchici, ma anche banditi e sovversivi.
Su tutti primeggia il noto Passatore e la Romagna, nel cliché nazionale diventa terra di emarginati politici, di sorvegliati speciali, di teste calde rivoluzionarie.  
Allora Olindo Guerrini sbottava ... A gl'i è toti calogni d'birichen. Sono tutte calunnie di birichini divorati da una invidia vergognosa ma, il male è che di tanto in tanto vanno via, spariscono e non se ne sa più nulla, tant'è vero che e Sendich nov d'la Tera e d' Castruchera L'ha fatt pruposta d' butè zò e' campsant Che intignamod is mor tott in galera, il Sindaco nuovo di Terra del Sole e Castrocaro ha proposto di demolire il cimitero visto che muoino tutti in prigione.
Probabilmente qualcosa di vero all'epoca c'era e di testimonianze in questo senso nei confronti dei romagnoli di Terra del Sole e Castrocaro non mancano. Una di queste è la "direttiva" che a metà '800 le autorità papaline diramano nei confronti di alcuni terrassolani e castrocaresi.

Descritti 7 Giugno 1848
[collezione privata - per gentile concessione]
Le immagini sono liberamente riutilizzabili
secondo le disposizioni della licenza CC BY-SA 4.0
Presentato il 7 Giugno 1848
Li 9 detto sia ttivano le relative ricerche per l'evasione della presente.
Il Priore Sante Sarti 
Li qui retro descritti Individui debbono essere arrestati e tradotti alla Carceri politiche in Bologna onde venire espulsi all'Estero; se però taluni di essi si presentassero in qualche luogo di cotesto Circondario Ella curerà, che siano immeditamente accompagnati a questo capo luogo.
Ho nel frattempo il vantaggio di confermarmi con stima.
Di V: S. Illura
Castel Maggiore li 2 Giugno 1848

Tutti della Terra del Sole:
Gaudenzi Giuseppe detto Panocchia o Manocchia
Villa Stefano detto Scalone
Saragoni Antonio
Ricci Sante detto Sansone del Bordello
Ricci Francesco detto Coraino
Ghetti Paolo detto Gioachini
Di Castrocaro:
Paganelli Domencio detto Subblino
Lucarelli antonio
Lombardi Pietro
Ferrarini Stefano detto Strocchini
Zolli Giuseppe

Nessun commento:

Posta un commento